arte e cultura

Arte e cultura > Affreschi

 

Castello dell'acqua

La Pietà - Madonna con Bambino,Santi e fedele - Madonna con Bambino e Santi - Madonna con Bambino e Santi

 

la pietà - castello dell'acqua

La Pietà

Comune: Castello dell'Acqua
Località: Loc. Nesina - Facciata rivolta a nord di un edificio rurale
Epoca: 1700 - 1800

 

L'affresco è protetto da uno spiovente ligneo. Al centro di un timpano sorretto da colonne con capitelli corinzi, appare Dio Padre con la colomba dello Spirito Santo. La Vergine, in abito rosso e manto blu, ha il cuore trafitto da una spada e tiene in grembo il figlio morto; un angelo inginocchiato bacia la mano abbandonata del Cristo. In primo piano, a figura intera, sono dipinti: sant'Antonio da Padova con il giglio, san Giuseppe con il bastone fiorito, san Domenico, patrono del committente, col giglio, la croce e la corona del rosario. A destra è rappresentato santo Stefano, giovane e imberbe, con la palma del martirio e la pietra della lapidazione sulla testa; per questo è invocato anche contro i calcoli ed il mal di capo. In basso un cartiglio reca la scritta AVE MARIA/DO:Q:DO:N/FF 1790 (Domenico fu Domenico Nesina fece fare nel 1790). Sotto le figure appaiono i nomi, quasi illeggibili, dei santi rappresentati.

 

 

 


madonna con bambino, santi e fedeli - castello dell'acqua

Madonna con Bambino,Santi e fedele

Comune: Castello dell'Acqua
Località: Frazione Piano - Lato est di un vecchio edificio rurale
Epoca: 1700 - 1800

 

L'affresco si trova su una vecchia casa in pietra. Nella parte superiore è raffigurata la Madonna del Rosario, sopra una nuvola in tonalità rosacea; tiene in braccio il Bambino e porge la corona del Rosario alla santa (forse sant'Anna) che si trova alla sua sinistra. Alla destra di Maria compare san Giuseppe con il bastone fiorito. In primo piano si vede un personaggio femminile inginocchiato. La donna indossa un grembiule e uno scialle sulle spalle alla moda contadina; tiene le braccia aperte e lo sguardo rivolto alla Vergine come se volesse chiedere soccorso oppure ringraziare per un aiuto accordato. Il significato votivo del dipinto è concretizzato dalla casa di abitazione che si intravede sotto le nuvole, in basso a sinistra. Della scritta che si trovava sulla parte alta dell'affresco non rimane leggibile che la parola ...DEL...

 

 

 

 

 

 

 

madonna con bambino e santi - castello dell'acqua

Madonna con Bambino e Santi

Comune: Castello dell'Acqua
Località: C.da Cortivo - Lato ovest della casa-mulino
Epoca: 1800 - 1900

 

Una larga cornice marmorizzata riquadra l'affresco. Nella parte superiore, racchiusi entro un medaglione ovale, appaiono le figure di Dio Padre, con le braccia allargate che scruta il globo, e della colomba dello Spirito Santo. Al centro della nicchia è raffigurata la Vergine che tiene in braccio il Bambino biondo. Il capo di Maria è coperto da un fazzoletto di lino bianco che richiama un'acconciatura popolare. Accanto alla Vergine compare san Giuseppe con una folta barba grigia, in abito azzurro e manto giallo, con il bastone fiorito; in primo piano san Giovanni Battista, che con il braccio nudo alzato tiene la croce; in basso a destra santo Stefano in dalmatica viola regge con una mano un libro con i sassi del suo martirio, mentre con l'altra indica la scena sacra.

 

 

 

 

 

 

Madonna con bambino e santi - castello dell'acqua

Madonna con Bambino e Santi

Comune: Castello dell'Acqua
Località: C.da Marcantin - Strada per Paiosa
Epoca: 1800-1900

 

Entro una cornice dorata con ampliamento ad arco è raffigurata la Madonna del Rosario, seduta tra le nuvole con il Bambino in braccio che tiene una lunga corona tra le mani. Con lo sfondo di un paesaggio ondulato sono dipinti, a sinistra, san Giovanni Evangelista con il libro delle Scritture sotto il braccio e un calice da cui esce un serpente, segno del veleno e del male; a destra san Matteo, barbato, con il libro e un'insolita alabarda al posto dell'abituale angelo. L'ignoto frescante ha probabilmente confuso l'iconografia del santo con quella dell'apostolo Mattia che, a ricordo del suo martirio, viene talora raffigurato con un'alabarda. Nella parte superiore dell'affresco si legge: PER DIVOZIONE DI MATTEO FAZINA - FATTO LI 25 AGOSTO 1837. In basso, sotto le figure dei due santi sono riportati i rispettivi nomi, S. GIOVANNI e S. MATTEO seguiti da A<(i> (apostolo) ed E (evangelista).

 

 

 

 

 

Condividi