attrazioni e sport

Attrazioni e sport > sport estivi

 

I nuovi percorsi della Pesca

4 percorsi di pesca, nel fondovalle lungo l'Adda, lungo il torrente Mallero o nei laghetti alpini di Campagneda.
Consulta le schede online o richiedile nei nostri uffici turistici.

 

Fiume Adda: la zona No-Kill Piateda

 

Il tratto no-kill di Piateda è la “riserva nella riserva”, il fiore all’occhiello di tutta la Valtellina. Quattro chilometri di fiume Adda compresi tra il ponte di Faedo e quello di Boffetto. Bandita chiusa alla pesca per quarant’anni, dal 1994 è stata aperta ai pescatori che praticano la sola pesca a mosca con obbligo di rilascio del pescato.

La fauna ittica è composta da trote e temoli che - per taglia e numero – fanno della riserva il tratto più ricco di opportunità a livello nazionale e uno dei più prestigiosi a livello europeo, dai quali peraltro si smarca per l’accessibilità dei permessi. Una riserva ancor più prestigiosa vista la qualità del pesce ospitato, nato e cresciuto sul posto.

Nel no-kill di Piateda infatti non si effettuano ripopolamenti se non con novellame selezionato prodotto nel centro ittiogenico di Faedo.

Fiume Adda: la zona di pesca a mosca della “Sassella”

 

All’ombra del santuario della Sassella, nel 2002 l’Unione Pescatori Sondrio ha riservato un tratto di fiume Adda dedicato alla pesca a mosca con coda di topo e moschera. Più di un chilometro di fiume che scorre in un contesto naturale, dove a raschi veloci abitati da temoli di tutto rispetto si alternano anse e buche profonde, habitat ideale di trote decisamente “importanti”.

Si possono trattenere solo tre pesci al giorno, con una taglia minima superiore a quella stabilita per i tratti aperti a tutte le tecniche.

Norme più restrittive che garantiscono uno standard qualitativo decisamente elevato.

A parte le iridee seminate occasionalmente come pesce pronta pesca per i pescatori più impazienti, il tratto ospita pesce nato e cresciuto sul posto, integrato da stock di novellame selezionato prodotto nel centro ittiogenico di Faedo.

 

 

 

 

 

 

Torrente Mallero: la pesca nei pressi di Chiesa Valmalenco

 

Proprio per ampliare l’offerta turistica che si concentra attorno al centro turistico di Chiesa Valmalenco, l’Unione Pescatori Sondrio insieme al Consorzio Turistico Sondrio e Valmalenco hanno pensato di istituire una serie di tratti speciali capaci di soddisfare le esigenze dei pescatori più diversi.

Se da una parte il tratto no kill riservato alla pesca a mosca situato sui torrenti Mallero e Lanterna assicura la possibilità di confrontarsi con pesce selvatico, dall’altra l’adiacente tratto turistico garantisce a chiunque l’incontro con pesce di semina di buona qualità insidiabile con tutte le tecniche.

A completare l’offerta è il tratto riservato ai bambini, un luogo di facile accesso che consente ai più piccoli di avvicinarsi alla pesca in modo divertente e sicuro, con un comodo punto di ristoro alle spalle.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

La pesca ai laghi di Campagneda

 

Per chi conosce l’alta Valmalenco, l’altopiano prativo di Campagneda rappresenta uno dei luoghi più belli e suggestivi a disposizione degli appassionati di trekking.

Compreso tra i 2000 e i 2300 metri s.l.m., in base alle attitudini di ognuno il pianoro può rappresentare il punto di arrivo per una piacevole camminata o la base di partenza per arrampicate ben più impegnative sul maestoso Pizzo Scalino.

Dal 2014 l’offerta legata alla pesca nei laghi di origine glaciale si arricchisce di un’opportunità in più, dal momento che proprio il primo dei quattro invasi naturali è stato riservato alla sola pesca a mosca e moschera, mentre gli altri tre continuano ad essere a disposizione di tutti gli appassionati.

Vista l’altitudine, i mesi più indicati a insidiare le trote che nuotano nello specchio d’acqua sono sicuramente quelli estivi, con un’attenzione particolare per le prime ore del mattino e le ultime della sera.

Proprio per consentire ai pescatori di godere il più possibile della pesca in questo ambiente meraviglioso, l’Unione Pescatori Sondrio insieme al Consorzio Turistico Sondrio e Valmalenco ha preso accordi con rifugi e strutture ricettive della zona così da garantire ai pescatori vitto e alloggio a tariffe agevolate.

 

 

Per informazioni:

UNIONE PESCA SPORTIVA DELLA PROVINCIA DI SONDRIO

tel. (+39) 0342 217 257
email: info@unionepescasondrio.it

www.unionepescasondrio.it

 

Condividi